Libri: Il giardino degli incontri segreti

Image

Non conoscevo Lucinda Riley, non avevo nemmeno mai letto uno dei suoi libri. È stata lei a farsi conoscere e scegliere. Non ho una logica ben precisa quando compro i libri. Entro semplicemente in libreria e mi abbandono all’istinto. È stato così anche quel giorno. Sono entrata in libreria, dicendo a me stessa che avrei soltanto dato un’occhiata. Non avevo intenzione di fare le compere anche se, amante della parola scritta, sapevo che non sarebbe stato facile resistere, soprattutto quando vidi “Il giardino degli incontri segreti” della Riley.

Tornata a casa, non vedevo l’ora di cominciare a leggere il mio nuovo tesoro letterario, riposto con cura sulla libreria. Una volta che iniziai era piuttosto difficile fermarmi. Portavo il libro ovunque. Più delle volte mi trovai in sala da pranzo intenta di mangiare e seguire la storia allo stesso momento. Arrivata alla fine sentivo una gioia immensa perché avevo trovato il romanzo delizioso. Stupendo per la maniera in cui è scritto perché mentre lo assaporavo era come se guardassi un film che sequenza dopo sequenza si sviluppava davanti ai miei occhi.

La protagonista di questo romanzo è una pianista di fama mondiale di nome Julia Forrester.  Dopo l’incidente d’auto, in cui persero la vita suo marito Xavier e il figlioletto di 3 anni Gabriel, la donna, distrutta dagli eventi tragici che le hanno sconvolto la vita decide di tornare a casa in Inghilterra. Si installa nel vecchio cottage di sua proprietà ma il dolore per la perdità dei suoi cari è talmente grande che non riesce a tornare a vivere e si abbandona alla tristezza e pensieri cupi.

Sua sorella Alicia è molto preoccupata, è una donna forte che si è sempre occupata della sorella minore e di tutta la famiglia dopo la morte della madre Jasmine, e cerca di aiutare Julia a superare il periodo diffile. Un giorno va a trovarla per convincerla di accompagnarla ad un’asta per farla distrarre un po’ e uscire dal nascondiglio. La tenuta Wharton Park, dove le due donne hanno passato la loro infanzia è messa in vendita e sarà proprio quel luogo, che ha visto il nonno materno  Bill, e i suoi antenati occuparsi del giardino della tenuta, a portare Julia sulla strada di guarigione.

All’asta Julia incontra Kit, il giovane lord Crawford che ha ereditato la proprietà e che un giorno quando era ragazzo l’ha sentita suonare pianoforte e non l’ha mai dimenticata. Tra i due nasce una tenera amicizia, sarà proprio Kit ad aiutare la vedova Forrester a ricominciare a vivere e credere nel futuro.

Un giorno Giulia riceve un’ospite molto gradita, la sua nonna materna  Elsie, che nel passato era una delle camerere della famiglia nobile dei Crawford. In quell’occasione la vecchia  signora le racconta un segreto di famiglia, che scoinvolgerà la vita di Julia e che la porterà, attraversando un ponte fatto di ricordi che unisce il passato con il presente, sulla strada della vita che l’ha vista smarire e perdere se stessa. Sulla strada giusta che la farà scoprire chi è e come affrontare quel futuro che le sembrava non esistesse più.

È una bellissima saga famigliare, che porta il lettore a conoscere l’Inghilterra della seconda guerra mondiale e un’oriente lontano di profumi e colori indimenticabili, ma anche e soprattutto una piuttosto emozionante storia d’amore, il forte sentimento che coinvolge i personaggi dall’inizio alla fine.

Lucinda Riley mi è piaciuta molto con questo romanzo e mi è venuta la voglia di conoscere le sue opere. Proprio in questi giorni è uscito in Italia il suo nuovo romanzo “Il profumo della rosa di mezzanotte”, che non vedo l’ora di leggere. Spero che sarà all’altezza delle mie aspettative.

Annunci

Info Emy
Mi chiamo Emina. Vengo dalla Serbia però vivo in Italia dal settembre 2000. Sono laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche ed ho un master in Studi Est-Europei. Per molto tempo ho cercato di trovare me stessa, la mia vocazione. Dal 2010 credo di averla finalmente trovata. La mia vera passione è sempre stata la scrittura. Dopo aver pubblicato il mio primo romanzo "Il virus balcanico" in Serbia nel 2009, ho passato dei momenti bui. Più che altro si è trattato di una vera crisi esistenziale. Ora ho capito che la mia strada, oltre di quella di scrittrice che non abbandono, è il giornalismo. Lunga strada da percorrere ma importante è iniziare. E io l'ho già fatto. Ho collaborato per un anno e tre mesi con una rivista di lifestyle e moda di Belgrado. Dal luglio 2011 ad aprile 2012 ho collaborato con la rivista italiana online "Che donna". Dal febbraio 2012 fino all'estate del 2013 ho collaborato con un portale serbo dedicato alle donne, "Quello che le donne vogliono". A luglio 2012 sono arrivata a fare la giornalista per una rivista italo - americana, registrata a Tampa nella Florida, chiamata "Italian heritage magazine". Per un anno ho collaborato con l'associazione Trentino Balcani alla realizzazione del blog progetto "60 storie". Nel tempo libero cerco di scrivere il mio primo romanzo in italiano. Contenta e felice di quello che faccio. Andiamo avanti con sorriso, umiltà e felicità.

2 Responses to Libri: Il giardino degli incontri segreti

  1. newwhitebear says:

    Capita anche a me di entrare in libreria e comprare un libro che per qualche motivo mi ha ispirato. E di norma è una scelta vincente.
    Ottima recensione.
    Ciao e buona domenica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Leggo.libri

Quando non sai cosa leggere

A buzzing box of thrilling thoughts

Traduzione, scrittura, sperimentazioni linguistiche e collaborazioni

Destinazione Libri

"Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita:la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni:n c'era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia e quando Leopardi ammirava l'infinito...perchè la lettura è un'immortalità all'indietro" cit..Umberto Eco Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali

thebookworm

Dei libri letti e non solo

Studiolo Barese

Le mie passeggiate a Levante

orsobianco

Il mio secondo blog nascosto

Sergio M. Ottaiano

Scrittore indipendente

CIOCCOLATO&LIBRI

Libri, interviste e altre cose senza senso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: